COPPA VENETO

VOLLEY MARENO A.S.D. – SPACCIO OCCHIALI VISION VOLLEY CODOGNE’    1 – 3  

(25-23, 21-25, 21-25, 12-25)

Un derby è sempre un derby … anche se l’impegno di martedì sera riguardava il proseguo nel cammino di
Coppa Veneto, la dirigenza nel pre gara ha ricordato l’importanza del particolare appuntamento. Coach De Salvador suona la carica puntando su una provocazione poco sottile e piacevole ma che ha dato la giusta carica… sono noti a tutti gli scontri degli anni precedenti tra queste due compagini, ma l’unica cosa che conta per le nostre blues vendicare l’opaca prestazione di sabato scorso ad Asolo e riprendere ad esprimere un gioco più preciso, veloce e cinico. Contro un Volley Mareno che batte bene e difende ancora meglio ci sarà molto da sudare, cuore e orgoglio avranno un ruolo fondamentale! Un primo parziale perso in maniera alquanto rocambolesca con un Mareno super grintoso in rimonta, dà lì il via ad un gioco spumeggiante e concreto, a cui tutta la rosa partecipa in maniera molto positiva!

Brave ragazze …

E si va avanti … ora agli ottavi (si parla del 6 gennaio) tocca al Giorgione che ieri sera ha battuto al tie break il Preganziol.

COPPA TREVISO: SAN VENDEMIANO – CODOGNE’ 3-2

PALLAVOLO SAN VENDEMIANO – VOLLEY CODOGNE’   3-2  (20-25; 23-25; 25-23; 26-24; 15-13)

Sabato 24 Ottobre, è andata in scena a San Vendemiano LA PARTITA, si perchè si affrontavano le due teste di serie del girone che nello scontro diretto si giocavano la semifinale della coppa Treviso. Le nostre black mamba (orfane in panchina di coach De Salvador ma ben rimpiazzato da coach Parpinel)  sono scese in campo agguerrite contro una squadra abbastanza giovane ma che allo stesso tempo aveva in una atleta la giusta esperienza che ha fatto la differenza tra le avversarie.black mamba VOLLEY
La partita è iniziata subito bene per le nostre che sono riuscite sempre a concretizzare le alzate incartando il sistema di gioco avversario e portandosi subito su 2 set a 0.
La partita è sempre stata giocata punto su punto e la differenza è stata minima ma dopo le “tirate d’orecchie” dell’allenatrice Carla Busetti le ragazze del San Vendemiano si sono rialzate e hanno iniziato a difendere l’inverosimile e contrattaccare portando il gioco a lunghi scambi. Qualche errore di troppo in battuta e qualche imprecisione hanno fatto si che il San Vendemiano si riavvicinasse fino a raggiungerci sul 2 a 2. Il quinto set è la fotocopia dei precedenti: scambi lunghi e continui “cambi palla” hanno portato le 2 squadre al 10 pari… Il finale di set ha visto il San Vendemiano allungarsi sul 13-11 per poi concludere la partita sul 15-13.
Nonostante la sconfitta, che probabilmente ha già sancito il passaggio del turno per il San Vendemiano, resta il buon gioco e la grinta mostrato dalle nostre, che di certo si rifaranno in campionato. Dispiace per i pochi punti con cui sono stati persi i set ma serviranno da insegnamento per le prossime partite. Non bisogna dimenticare che la pallavolo San Vendemiano milita da parecchi anni in 1a divisione e l’anno scorso ha mancato d’un soffio la promozione, quindi la sconfitta lascia si l’amaro in bocca ma è altrettanto vero che le nostre black mamba hanno lottato alla pari contro una squadra di categoria superiore… quindi avanti tutta sabato l’ultima di coppa al Palablu e poi testa al campionato!

2a GIORNATA SERIE C

OH Maria Salvador …

SPACCIO OCCHIALI VISION VOLLEY CODOGNE’ (TV)  – A.V. ASOLO VOLLEY  (TV)  3-2  

(21-25, 23-25, 25-23, 25-17, 11-15)AQUILA VOLLEY

San Vito di Altivole, 25.10.2015

Due punti guadagnati sabato scorso nel primo impegno fuori casa per le ragazze di coach De Salvador, o per i più pessimisti e gli incontentabili,  un punto perso per strada.

Si perché questa gara partita col piede sbagliato, poco concreto ed energico il gioco delle blues che non riescono mai a sciogliersi e ad esprimersi al meglio … merito anche della squadra di coach Civiero che spingendo molto dai 9 metri crea non poche difficoltà alla linea dei nostri ricettori.

Il Volley Codognè schiera nel sestetto di partenza la diagonale Lovatello-Ruoso, gli schiacciatori Gava e capitan Sperandio, al centro Bandiera e Vidotto, libero Cattelan (a disposizione Battistella, Favaro, Cancian, Callegher e Gardenal).  Impreciso fin da subito il gioco al centro, per una Lovatello un po’ insicura unica  Ruoso da posto 2 diventa l’unica bocca di fuoco … sul finire del parziale iniziano i problemi in ricezione che caratterizzeranno anche gli altri set, Cancian entra per Gava e qualche distrazione di troppo delle locali aiuta le codognesi a chiudere il primo parziale (21-25). La musica non cambia nel secondo: la ricezione vacilla, Gardenal entra per Cattelan e Favaro in prima linea per Sperandio … il set volge al termine per le bianco blu con qualche affanno di troppo sul finale (23-25). Coach De Salvador riparte con la formazione che ha concluso il set precedente, ma il gap con le avversarie si fa subito evidente grazie all’ opposto mancino in formato maxi, entrano Battistella e Sperandio per Ruoso e Lovatello, Callagher per Vidotto. Il gioco non è affatto esaltante ma le nostre blues tentano di rialzare la china fino a quando un errore grossolano della coppia arbitrale non chiude prematuramente il set (25-23). Formazione che chiude il set riparte anche in quello successivo, ma le cose iniziano a mettersi davvero male e comincia ad aleggiare l’ombra del tie break: Cattelan di nuovo per Gardenal, Ruoso per Favaro, Lovatello per Battistella e Gava per Cancian. Ancora troppi problemi in ricezione e una fase muro-difesa poco precisa e attenta caratterizzano la perdita del quarto parziale per 25 a 17. Nel quinto set si riparte con la formazione del primo  … Sperandio e compagne si aggrappano all’orgoglio personale e strappano due punti che pensando alla pallavolo espressa in campo e a come si era messa la serata valgono oro.

Appuntamento a sabato 31 ottobre, ore 21 a Rossano Veneto contro l’Imarc … un test molto importante per capire il reale valore in questo momento della squadra. Ma prima testa e cuore a martedì per l’impegno nei sedicesimi di Coppa Veneto contro il Volley Mareno, un derby molto sentito che vale veramente tanto …

MAMILLIAMO …?

  • VIDEO: è stato anche divertente assistere al video venerdì prima dell’allenamento, peccato lo sia stato meno scendere in campo sabato … CHIAMARE LA SFIGA
  • ASOLO: “Ma l’Asolo è in serie C?” questa la domandona del lunedì sera da parte di Samantha Ruoso! Sveglia Sam, il girone di Coppa è terminato … SAMATA
  • CARTELLINI: ringraziamo la serata multicolor una condotta alquanto discutibile della coppia arbitrale! E intanto la cassa delle multe ringrazia vivamente … SI VA BEH ALLORA CIAO
  • PUFFE: per l’aspetto esteriore sicuramente spacchiamo … la nuova felpa poi è superlativa (anche se sembriamo sponsorizzare un cartone tanto amato). Ora manca solo una t-shirt disegnata appositamente che ricordi quei personaggi gialli che tanto ci fanno sorridere … NICOLOOO MASCOTTE
  • MISTER SIMPATIA: non tutti possono vantare allenatori simpatici, vero Cancia?!? FIGURON

 

GOSSIGNE’ Elisa#7

Elisa Zanette      Eli #7ELISA

Play (er) List

  • “Five Hours” … per caricarsi
  • “Questa è una rapina” … per non pensare al domani
  • “Faccio after” … per sentirsi ciooovane

Dire, Fare, Baciare

DIRE

  • Una cosa che avresti voluto dire e non hai mai detto: <Mah … molto spesso anche se non parlo il mio viso esprime comunque bene i “sottotitoli”!!!>
  • Che hai detto e te ne sei pentita: <La cosa importante è aver imparato dalle esperienze passate, quindi nessun rimpianto!>

FARE

  • Cosa faresti per vincere? <Dare sempre il massimo (anche adesso dalla panchina o tribuna!)>
  • Cosa non faresti mai, neanche per … <Essere falsa!>

BACIARE

  • Il contatto con la palla del match: brivido di emozione, tensione o carica? <Carica sempre, ovvio!>
  • Un bacio a … perché nella mia carriera è stato … <Alla mia famiglia e a mio marito che mi hanno sempre sostenuto!>

LETTERA

  • Manda un messaggio in codice ad una compagna: <Fatti delle domande e datti delle risposte!>
  • Le parole più belle che hai ricevuto nella tua carriera: <…>

TESTAMENTO

  • Lo slogan della stagione: <OH MARIA SALVADOR, QUANTE XXX IN XXX>
  • La frase che dirai a fine carriera: <pensavo che la mia carriera fosse già finita, poi quasi per scherzo (vero catte?!) mi sono riaffacciata al PalaBlu e la passione per lo sport di una vita si è riaccesa … si dice “l’appetito vien mangiando”, giusto?! … e sono già passati 3 anni, ricchi di emozioni, soddisfazioni e nuove amicizie che mai avrei pensato! Adesso per me si è aperta una nuova “sfida”, che mi porta felicemente “in tribuna”… pur cercando di “stare sul pezzo” con la squadra! Sarà il tempo, quindi, a dire se questa stagione segnerà un’uscita “senza tante parole”, oppure sarà un “anno sabatico”!!!>

VOLLEY CODOGNE’ – VOLLEY SILEA  3-1

Altra vittoria per i canguri dell’under16 targata Volley Codognè, che domenica mattina al Palablu archiviano in 4 set la pratica Volley Silea. Primi due set speculari per le blues: gioco poco frizzante e molto falloso nonostante la carica suonata da coach Sperandio per la prestazione sottotono (25-22, 25-20). I molti errori e le svariate disattenzioni portano le avversarie a chiudere in loro favore il terzo parziale. La reazione delle codognesi nel quarto parziale però è delle migliori: aggressive sin dai 9 metri, lucide e più ciniche in attacco, Antoniolli e compagne chiudono il parziale (25-10) e la gara portando a casa altri tre punti. L’appetito vien mangiando … prossimo impegno domenica mattina a Casier.

UNDER 14 2a GIORNATA

VOLLEY 14 CODOGNE – PALLAVOLO MEDUNA 0-3 (23-25, 25-27, 23-25)

Proprio sconosciuto non era l’avversario di giovedì; Marion e compagne erano state ospiti a Meduna qualche settimana fa per un’amichevole. Ma le giallo-blu si presentano alle scuole medie con qualche ragazza in più e una grinta bestiale e con il loro gioco in attacco da posto 4, con una ricezione e una difesa sempre molto attenta e precisa riescono a creare tantissima difficoltà alle codognesi. Il primo parziale vede le ragazze di casa partire bene, qualche centimetro di troppo lasciato in difesa e svariati errori in battuta permettono poi la rimonta delle ospiti sul 20 pari per infine chiudere sul 23-25 con un ace. Il secondo set si apre molto male, diventano addirittura sette i punti da recuperare … ma alcune lavate di testa sciolgono il gioco delle nostre blues che agguantano l’avversario e il finale di set diventa veramente avvincente. Le atlete di coach Furlanetto hanno anche stavolta la meglio (25-27). Il terzo parziale inizia con le ragazze di coach Sperandio molto combattive, non ci stanno a perdere in maniera così netta … ma la stanchezza comincia a farsi sentire, si provano forze fresche dalla panchina. La lucidità nei momenti decisivi però viene a mancare come nei due parziali precedenti e grazie anche a qualche episodio fortunoso la Pallavolo Meduna porta a casa set (23-25) e partita. C’è molto da recriminare ma solo il lavoro settimanale potrà portare a vincere una gara come quella di giovedì scorso. Prossimo impegno sabato a Silea.

SPACCIO OCCHIALI VISION VOLLEY CODOGNE’ – ARCELLA VOLLEY 3-0

OH Maria Salvador …

SPACCIO OCCHIALI VISION VOLLEY CODOGNE’ – ARCELLA VOLLEY    3-0  

(25-20, 25-22, 25-13)

Codognè, 17.10.2015, ore 20:30

Si sapeva non sarebbe stato facile … l’esordio provoca in chiunque ansia e agitazione che sin dall’arrivo anticipato delle nostre blues  in palestra si avverte nell’aria. Ma la fame di punti e di onorare il duro lavoro settimanale che regna sovrano al Palablu dal 24 agosto avrà la meglio.

Coach De Salvador schiera questo sestetto: Lovatello in cabina di regia con Ruoso opposto, Gava e Sperandio in ala, Bandiera e Vidotto al centro, Cattelan libero. Il primo set vede le due formazioni darsi battaglia fin dai primi scambi alla pari, ma un turno al servizio di Vidotto e l’attacco spinto di posto 4 soprattutto creano il solco. Favaro entra per Lovatello ad alzare il muro, le padovane di coach Pittarello non trovano bocche di fuoco nel loro gioco e il parziale si chiude in nostro favore, 25-20. Nessun cambio di formazione tra le codognesi che partono a razzo nel secondo parziale, grazie ad una fase battuta-mucodoro-difesa attenta e pungente (da sottolineare un turno al servizio assassino di Ruoso). Entrano Favaro ancora per Lovatello inizialmente per alzare il muro e poi si chiude la diagonale con l’avvicendamento di Battistella per Ruoso. Qualche errore di troppo in attacco, una gestione del gioco poco attenta e soprattutto una battuta assassina che mette in difficoltà la nostra ricezione portano Josh a far rientrare Ruoso e Lovatello e il set si chiude con qualche pensiero di troppo sul 25-22. Il terzo set viene gestito agevolmente da Sperandio e compagne; Gardenal per Cattelan, Callegher per Bandiera e Cancian per Gava continuano ad innervosire le avversarie che non riescono a mettere palla a terra e il parziale si chiude sul 25-13 … obiettivo raggiunto: primi tre punti guadagnati. Grande protagonista la difesa; anche l’allenatore padovano nel post gara a caldo fa un plauso a questo nostro aspetto, quindi basta divenire delle macchine in contrattacco.

MAMILLIAMO …?

  • CASINISTE: L’urlo post gara che tanto ci piace: Sparpi – Ciulooo
  • INCREDIBILE:I racconti della Cancia: quanta gente strana c’è in giro ma anche quanto divertimento 
  • CLASSE: Il muro della Lova … se riempirai il tabellino di questo fondamentale ad ogni gare forse riuscirai a bilanciare i mani-out che subisci 
  • ESPERIENZA: Il tentato mani-out di Sperandio sul muro granitico dell’Arcella su una palla a filo rete … come era stato suggerito venerdì sera durante il video, lei tira alto verso il canestro nel tentativo di toccare le falangi ma il tentativo fallisce miseramente 
  • RICCHEZZA: Le multe: protagoniste assolute di questa stagione … e dico solo che a metà ottobre è già dura tenere cassa 

 

GOSSIGNE’ Marty#17

Martina Battistella     Marty#17

Play (er) List

  • “Saltando Sin Parar” … per la carica e la grinta che mi trasmette
  • “Roma – Bangkok” … per il testo e la musica
  • “El Perdon” … per certi momenti che mi ricorda

Dire, Fare, Baciare

DIRE

  • Una cosa che avresti voluto dire e non hai mai detto: “ In certe occasioni avrei voluto essere più diretta e “convinta” nel dire ciò che pensavo!”
  • Che hai detto e te ne sei pentita: “Non mi sono pentita di aver detto nulla finora!”

FARE

  • Cosa faresti per vincere? “Dare tutta me stessa, se serve anche sacrificando altri settori nei quali sono impegnata.”
  • Cosa non faresti mai, neanche per … “Vincere con l’inganno!”

BACIARE

  • Il contatto con la palla del match: brivido di emozione, tensione o carica? “Carica e tensione allo stesso tempo!”
  • Un bacio a … perché nella mia carriera è stato … “Alla mia famiglia perché mi ha sempre sostenuta e seguita in ogni partita!”

LETTERA

  • Manda un messaggio in codice ad una compagna: “Situ imusonada?”
  • Le parole più belle che hai ricevuto nella tua carriera: “Non ricordo bene, ahahah!”

TESTAMENTO

  • Lo slogan della stagione: “Non si molla un cazzo!!!”
  • La frase che dirai a fine carriera: “In primis ringrazierò la pallavolo per le emozioni che mi ha regalato, ad altro devo ancora pensare … il momento non è ancora vicino, ahahaha!”

UNDER 14 1a GIORNATA: VOLLEY CODOGNE’ – POSTIOMA 3-0 

Esordio positivo per la 14 del Volley Codognè sabato pomeriggio nella palestra delle scuole medie. Le leonesse di coach Sperandio anche grazie ad un Postioma impaurito hanno portato a casa i primi 3 punti di questa prima fase del campionato, giocando con l’apporto di tutta la rosa fin troppo sul velluto (25-10, 25-5, 25-13). Bisognerà infatti suonare una carica ben diversa per i prossimi impegni, perché nonostante gli errori delle avversarie, troppe sono state le imprecisioni e le mancanze di attenzione. E già giovedì le leonesse di coach Sperandio saranno chiamate a dimostrare un approccio diverso nella seconda partita di campionato, sempre in casa alle ore 19 contro l’agguerrita Pallavolo Meduna. Si può sempre fare meglio … 😉

TERZA GIORNATA DI CAMPIONATO: BREMAS MASERADA – VOLLEY CODOGNE’ 1-3

Primo impegno fuori casa per l’under 16 del Volley Codognè nella tana dell’Enerym Bremas Maserada. Assente in questa trasferta per impegni familiari Anna Vidotto. Le cangurotte di coach Sperandio consce dell’importante assenza si sono preparate però minuziosamente nel corso della settimana. Partenza a razzo per Antoniolli e compagne grazie ad una battuta incisiva e ad un contrattacco efficace. Le avversarie però difendono tantissimo e si avvicinano nel punteggio, raggiungendo le blues sul 14-14, dove grazie ad un turno di servizio fortunoso e assassino si portano in vantaggio e vanno agevolmente a chiudere il parziale. Le codognesi non si demoralizzano e dopo qualche incarnata dalla panchina, pazientemente e con ordine chiudono i tre set successivi a 16, 17 e 11 anche grazie ai tanti errori delle giovani di coach Maria Teresa Biasi. Dopo un inizio diciamo poco attento e difficile, è doveroso un plauso a questo ragazze che hanno dato prova di una gran forza di gruppo. Appuntamento domenica sempre alle ore 11.30 in casa contro il Silea.